Il teatro alla Scala celebra il bicentenario dalla Nascita di Verdi!

Giuseppe Verdi in una fotografia d’epoca con dedica a Emilia Morosini, madre del patriota Emilio. Milano, Museo Teatrale alla Scala.

Giuseppe Verdi in una fotografia d’epoca con dedica a Emilia Morosini, madre del patriota Emilio.
Milano, Museo Teatrale alla Scala.

Per festeggiare i 200 anni dalla nascita di Giuseppe Verdi, ieri il Teatro alla Scala di Milano ha aperto le porte gratuitamente al pubblico, riscuotendo un grande successo da parte di turisti e curiosi di ogni età che hanno colto l’occasione per poter ammirare le bellezze e la storia di questo magico luogo dove la musica non ha confini.

L’evento è iniziato alle 10 del mattino ed è proseguito durante l’arco di tutta la giornata sino alle 18; io e le miei amiche siamo arrivate presto per evitare eventuali code e alle 9,30 erano già in molti coloro che attendevano in piedi davanti all’ingresso.

Una volta che le porte si sono aperte, seguendo le scale siamo arrivate nella sala dove, per chi lo desiderasse, veniva proiettato un documentario inerente la vita di Verdi e le terre nelle quali egli è vissuto, a cui hanno fatto seguito alcuni estratti di video storici della Messa da Requiem e l’ultima registrazione dal vivo, integrale, del Requiem diretto da Daniel Barenboim nell’estate del 2012. Da questa sala si poteva accedere al Museo Teatrale; alla mostra “1913-2013. Un tesoro centenario”, che testimonia il secolo di vita del Museo e al Ridotto dei Palchi.

Anonimo, Verdi a Venezia, pastello, particolare. Milano, Museo Teatrale alla Scala.

Anonimo, Verdi a Venezia, pastello, particolare. Milano, Museo Teatrale alla Scala.

Un’occasione unica per coloro che ancora non avevano visitato le sale museali della Scala, ma anche per tutti quelli che, pur conoscendo questi spazi, hanno avuto l’occasione di potervi accedere nuovamente e sopratutto di poter vedere il manoscritto autografo della Messa da Requiem conservato negli archivi della Scala ed esposto esclusivamente per tale occasione.

Per concludere l’evento, in serata, sempre a ingresso libero, nella sala grande del Teatro, si sono svolte delle letture da parte di un gruppo di personalità della cultura, della scienza e della società.

Annunci