To Face – Fotografia Contemporanea alla Triennale di Milano

Visto che ieri, nonostante la giornata di pioggia, sono riuscita ad andare alla Triennale per fare il tesserino offerto agli studenti da Eni che mi permette di andare a vedere tutte le mostre gratuitamente fino alla fine dell’anno; ne ho approfittato per fare una scappata a vedere la mostra “To Face”, di cui vi avevo già accennato qualcosina.

Le fotografie sono state scattate da Paola De Pietri e i soggetti prescelti sono i paesaggi situati lungo il fronte italo-austriaco della Prima Guerra Mondiale; il Progetto è stato realizzato nel corso di tre anni, tra il 2009 e il 2011, e indaga il lento mutamento del paesaggio di montagna segnato dai bombardamenti, dalle trincee, dai residui della guerra.

Strada delle Gallerie, Massiccio del Pasubio

Strada delle Gallerie, Massiccio del Pasubio

La mostra è situata in una saletta al primo piano, proprio davanti alle scale; appena entrata in questo spazio ho visto allineate una dopo l’altra le 11 foto esposte. Sono fotografie a colori che inquadrano un soggetto comune: un paesaggio, principalmente montuoso, costituito da spazi verdi intervallati da rocce o da spazi completamente rocciosi ma non come si potrebbe descrivere una parete rocciosa. Sono territori sui quali è visibile il cambiamento apportato durante il conflitto di inizio secolo; una delle fotografie che mi hanno particolarmente colpita è, per esempio, quella che presenta un territorio verde costituito da alcune “cunette” quasi come se fosse un susseguirsi di piccole colline spezzate da una linea serpeggiante che rompe completamente l’armonia di questo paesaggio.

Penso sia una mostra molto curiosa e anche se non è la prima volta che vedo un paesaggio simile, basti pensare al Trentino e ai passi che conducono ad alte quote dove è possibile vedere effetti simili o spazi che rimandano alla Guerra, non è sempre così automatico quando ci si trova dinanzi a una vista del genere pensare sempre a ciò che l’ha trasformato così radicalmente.

Per chi volesse approfittarne, la mostra è a ingresso libero e resterà alla Triennale fino al 31 Marzo!!

Annunci